Rimessaggio Cubo 011.984.42.71 Strada Pasturanti, 29 - 10040 Druento (TO)

Percorrendo le strade d´Austria

Equipaggio: papà Giorgio, mamma Debora, Alessandro (4 anni), Martina (3 anni). Le previsioni meteorologiche, un po’ avverse per quest’estate, ci hanno lasciato perplessi e indecisi sino il giorno 13/14 agosto riguardo alla meta da scegliere per le nostre vacanze.

 


Amsterdam pareva troppo piovosa per le due settimane successive e la Croazia, anche se il clima era ottimale, necessitava a nostro avviso una pianificazione maggiore. E pertanto la soleggiata città di Innsbruck ha catturato la nostra attenzione, grazie anche al consiglio del nostro amico Cesare.
Carichiamo quindi il camper e partiamo il giorno 15 agosto da Druento (TO): destinazione Innsbruck. Procediamo per il Brennero tra distese di mele rosse, autostrada per noi ancora sconosciuta, e, grazie all’ausilio d’internet e navigatore, troviamo un campeggio a qualche km da Innsbruck e decidiamo che
quella sarebbe stata la nostra destinazione definitiva per la serata. A pochi km dal confine acquistiamo la Vignette (il bollino che con soli 8,50 Euro permette il transito delle auto su tutte le autostrade d’Austria per 10 giorni) e tranquillamente verso le 18.30 circa giungiamo al Camping Natters See.
All’arrivo ci rendiamo conto che si tratta di uno dei migliori campeggi dell’Austria poiché fa parte dei TOP CAMPING d’Austria. E’ situato in riva ad un piccolo lago, il Natter See da cui prende appunto nome il campeggio, balneabile e dalla temperatura gradevole. Dalla terrazza posta tra l’ingresso ai servizi e l’ingresso del bar si può godere di una splendida vista della vallata. Il campeggio è dotato di bagni pulitissimi, di un negozietto e di un ristorante posto sull’altra riva del lago. La nostra piazzola, vista lago, è provvista di allacciamento elettrico, carico acqua e scarico.
Il giorno successivo, sabato 16 agosto, è dedicato al relax, ad una passeggiata intorno al lago, all’esplorazione del campeggio e alla pianificazione della visita ad Innsbruck prevista per il giorno seguente.

Di buon mattino, alle 10.00 (e credetemi…detto dalla nostra famiglia, è davvero di buon mattino), prendiamo la comoda navetta che collega il lago Natter See alla stazione di Innsbruck in circa 30 minuti. La giornata è favolosa, il cielo è azzurro più che mai e l’arietta fresca ci riempie i polmoni. I due nostri piccoli
turisti sono allegri e in trepida attesa del picnic che abbiamo organizzato per il pranzo. Dalla stazione di Innsbruck si giunge al centro della città in una decina di minuti a piedi e ci imbattiamo subito nella Colonna di Sant’Anna in via Maria?Theresien?Straβe. Il monumento fu eretto nel 1704 dall’Assemblea degli stati
tirolesi in ricordo della sventata invasione delle truppe bavaresi del 1703 durante la guerra di successione spagnola. Le vie sono ricche di negozi e ci fermiamo a contemplare gli splendidi vestiti tirolesi (ovviamente troppo costosi per le nostre tasche). Arriviamo quindi nella piccola piazzetta centrale su cui si affaccia la
Torre Civica, edificata intorno al 1440, l’edificio Helblinghaus, abitazione borghese la cui facciata fu decorata intorno al 1730 con stucchi tardo?barocchi, e il famosissimo Tettuccio d’Oro. Dal balcone un gruppo di musicisti suona incantevoli melodie tipiche austriache e, com’è facile immaginare, Alessandro e
Martina azzardano qualche passo di danza. L’edificio fu fatto erigere nel 1420 da Federico IV come residenza dei principi del Tirolo. L’imperatore Massimiliano I vi fece poi aggiungere lo sfarzoso bovindo, con il tetto ricoperto da 2657 tegole di rame placcate d’oro, che venne terminato nel 1500.
 
Proseguiamo il percorso di pochi metri per spostarci nella Piazza del Duomo di San Giacomo, edificio prima gotico poi ristrutturato in stile barocco nel 1717, dove si sta celebrando la santa messa e vi è il divieto d’ingresso per i turisti. Attendiamo quindi pazientemente seduti fuori su di una panchina e facciamo
qualche foto di rito. Leggiamo sulla nostra guida che le campane del Duomo suonano i cosiddetti Rintocchi della Pace alle 12.10 e, poiché sono le 12.05, ci rallegriamo della scoperta (quella che io chiamo la Fortuna del Principiante). Sentite le campane e conclusa la messa, entriamo in Chiesa per qualche minuto e
all’uscita ci avviamo verso i Giardini Imperiali alla ricerca di un comodo prato per fare pranzo. 
I Giardini furono realizzati nel XVI secolo sotto l’arciduca Ferdinando II come uno dei più importanti esemplari di giardini a nord delle Alpi. Ristrutturati in stile barocco sotto l’imperatrice Maria Teresa, nella prima metà del XIX secolo divennero giardini all’inglese. E qui, distesi su una coperta, facciamo picnic per la gioia di grandi e soprattutto piccini. Al termine del pranzo passeggiamo per il Giardino e siamo indecisi su come proseguire la nostra gita. Come sempre ci troviamo nel posto giusto al momento giusto, di fronte all’uscita del giardino si trova l’ingresso per la Funivia e decidiamo di accedervi. Ricordiamo ancora l’entusiasmo di Alessandro due anni fa quando salì sulla Funivia per il Mottarone, Lago Maggiore, e la scelta sarebbe stata sicuramente azzeccata. La Funivia prevede tre tratti. Con il primo si giunge all’Alpen Zoo a 750 m di altezza; con il secondo si arriva alla stazione della Seegrube a 1.905 metri, il cuore della Nordkette dove molti ragazzi, direi atleti, scendono in bicicletta dalla cima fino a valle; e, infine, il terzo tratto, con pendenza del 16%, porta fino in vetta alla stazione dell’Hafelekar a 2.256 metri. E fin quassù ci siamo spinti, tanto che, per la gioia, Alessandro e Martina sarebbero scesi subito a valle per poi risalire e riscendere e salire e così via. Contempliamo il panorama e, complice un cielo senza nubi, riusciamo a vedere tutte le più lontane vette. Una simpatica pecora, allontanatasi dal gregge, si avvicina, incurante delle persone attorno, per fare letteralmente piazza pulita dei dolciumi e delle cibarie avanzate sui tavoli del piccolo bar posto all’uscita della funivia. Di certo non potevamo perderci la sua morbidezza. E così i bimbi affondano le loro manine nella calda lanetta. E’ ormai arrivata l’ora di riprendere la funivia per scendere in città dove un buon gelato e un ottimo strudel di mele ci avrebbero aspettato nuovamente nel centro di Innsbruck. Poco prima delle 18.00 riprendiamo la navetta dalla stazione ferroviaria per fare ritorno, stanchi, ma pienamente soddisfatti
della giornata, al nostro camper presso il Camping Natters See.
 
La giornata di lunedì 18 agosto è stata anch’essa frutto della nostra consueta imprevedibilità. Il Tirolo offre molte attrazioni, escursioni e musei da visitare tra cui per esempio il museo delle Ferrovie Locali, il Museo delle Campane, la Miniera d’argento di Schwaz e la visita al trampolino da salto costruito nel 1925, poi
adattato per le Olimpiadi invernali del 1964 e del 1976. Ma il museo Swarosky a pochi km dal campeggio desta la nostra curiosità e fino alle 13.00 siamo decisi ad andarvi, ma io e mio marito, vedendo nuovamente lo splendido sole, pensiamo che i bambini avrebbero preferito godersi un pomeriggio all’aria aperta.
Prendiamo in mano un volantino reperito in reception che sponsorizza un viaggio in trenino dalla città di Jenbach al lago di Ancheen See e improvvisiamo quest’altra meta. La partenza del treno è prevista alle ore 15.00 e, poiché sono le 14.00, sparecchiamo velocemente tavola, montiamo i seggiolini per i bambini e ci spostiamo con il nostro mezzo alla stazione ferroviaria di Jenbach. Ciuf ciuf…si parte! Il treno è un’antica locomotiva del 1937, ancora oggi alimentata a carbone; risale lungo la montagna con notevole pendenza effettuando alcune fermate in diversi paesini per concludere infine il suo viaggio al lago color turchese di Ancheen See. Qui il vento è molto forte e comprendiamo che è una consuetudine vedendo i molti parapendii in cielo. Facciamo una breve sosta, solo qualche passo causa l’aria sostenuta e riprendiamo il treno del ritorno che ha invogliato i due piccoli a una sana dormitina. Facciamo rientro al campeggio con il nostro camper e terminiamo così un’altra giornata positiva.

Il martedì è dedicato al riposo. Pioviggina e con calma lasciamo il campeggio per risalire l’Austria. 
Destinazione Vienna!

 

Altri viaggi....

Percorrendo le strade d´Austria

Equipaggio: papà Giorgio, mamma Debora, Alessandro (4 anni), Martina (3 anni). Le previsioni meteorologiche, un po’ avverse per quest’estate, ci hanno lasciato perplessi e indecisi sino il giorno 13/14 agosto riguardo alla meta da scegliere per le nostre vacanze.
Vai al viaggio completo!


Natale 2014

Il Natale si avvicina, i paesi si vestono a festa e s’incomincia a respirare nell’aria una calda e accogliente atmosfera natalizia. I protagonisti di questa magica festa sono i mercatini natalizi allestiti in molti comuni e città che, con le loro tipiche casette di legno ricche di prodotti artigianali, profumi e sapori, attirano turisti e visitatori da moltissimi anni. Infatti, il più antico mercatino di Natale è quello di Dresda in Germania che quest’anno è giunto alla sua 579° edizione!
Vai al viaggio completo!


Gardaland Macic Winter

Gardaland in camper
Vai al viaggio completo!


Itinerario in Trentino

Vi proponiamo un piacevole itinerario tra le valli del Trentino in un´atmosfera tipica natalizia. L´accoglienza predisposta per i camperisti in questo periodo è un motivo in più per fare una sosta a Pergine Valsugana. Di seguito uno speciale pacchetto all inclusive.
Vai al viaggio completo!


Costa Azzurra in inverno

Vi sono molti luoghi dove trascorrere le vacanze natalizie con il proprio amato mezzo. Vi è chi decide di passare l’ultimo dell’anno a Parigi o chi in una nota località sciistica, ma vi è anche chi, all’ultimo momento, si avventura lungo le tranquille strade della Costa Azzurra. Una Costa Azzurra poco affollata e per questo ancora più apprezzata in tutta la sua autenticità in cui angoli di mare e natura divengono per i camperisti ancora più accessibili.
Vai al viaggio completo!


20 - 22 marzo 2015

Due mete per il weekend 20 - 22 marzo 2015. Fiera di Padova ospita EXPOCAMPER, il salone dedicato a Caravan, Camper, Tempo Libero e Plein Air. Mentre a ModenaFiere non perdetevi l´appuntamento dedicato ai più piccoli, Children´s Tour.
Vai al viaggio completo!


Messer Tulipano

Dal 2000 nel parco del castello medievale di Pralormo, nel cuore del Piemonte, la straordinaria fioritura di oltre 75.000 tulipani e narcisi annuncia la primavera: ogni edizione di questo evento botanico ospita un nuovo piantamento, completamente rinnovato nelle varietà e nel progetto-colore. Per l´occasione sono stati adibiti alcuni parcheggi per i camper in prossimità del Castello di Pralormo. Vi invitiamo a prendere visione del documento qui sotto riportato in cui troverete inoltre i recapiti del Comune e della Proloco per maggiori informazioni.
Vai al viaggio completo!


Conto alla rovescia per Expo 2015

Dal 1 maggio al 31 ottobre Milano ospita l´Esposizione Universale 2015 dal tema Nutrire il pianeta - Energia per la vita. Si tratta del più grande evento mondiale dedicato all´alimentazione, durante il quale i Paesi partecipanti non solo presentano le proprie tradizioni ed eccellenze agroalimentari, ma sono chiamati a proporre idee e soluzioni per garantire a tutti i popoli cibo sano e sufficiente. Inizia qui anche il nostro viaggio alla scoperta dell´EXPO. Seguici!
Vai al viaggio completo!


Riso & Rose 2015

Sfiora i 110mila visitatori la 15ª edizione di Riso & Rose in Monferrato 2015. Un brillante risultato per la kermesse che ha coinvolto Casale e oltre 25 paesi del Monferrato, Piana del Po e la vicina Lomellina nei tre week-end dal 9 al 24 maggio. Tanti i visitatori che hanno affollato i borghi, per partecipare ai numerosi appuntamenti che spaziavano dall’arte al florovivaismo, all’enogastronomia tipica e all’hobbistica, con eventi di qualità che hanno soddisfatto un pubblico fidelizzato e sempre più interessato.
Vai al viaggio completo!


Expo 2015 - i numeri

Continua il nostro viaggio nel mondo EXPO. Tante curiosità sul più grande evento mondiale dal tema Nutrire il pianeta - Energia per la vita. Ecco oggi tutti i numeri della manifestazione!
Vai al viaggio completo!


Paese che vai, esperienza che trovi


Vai al viaggio completo!


Itinerari in febbraio


Vai al viaggio completo!


Itinerari in marzo


Vai al viaggio completo!


Itinerari in maggio


Vai al viaggio completo!


Keukenhof Olanda

I tulipani. Uno spettacolo naturale del periodo primaverile (marzo/aprile). Tra storia e immagini vi raccontiamo Keukenhof, il parco più famoso del mondo. Consigliamo di sostare con il vostro camper presso il campeggio Vakantiepark Koningshof a Rijnsburg.
Vai al viaggio completo!


Ferrara, un tuffo nel Rinascimento

In occasione del Carnevale la città torna ai fasti e alle atmosfere di duchi e duchesse del ‘400 e ‘500, rendendo omaggio ad Eleonora d’Aragona.
Vai al viaggio completo!


Carnia in camper

Fums, parfums e salums, si chiama, in friulano, la festa del gusto che Sutrio dedica alle sue squisite tipicità
Vai al viaggio completo!


Fiandre in fiore

Si riparte in camper con un calendario ricco di appuntamenti dedicati ai fiori e ai giardini, previsto nelle Fiandre, in Belgio, con lo sbocciare della primavera.
Vai al viaggio completo!


Pasqua: una festa con tanti piccoli segreti

Perché non cade mai lo stesso giorno e da dove nasce la tradizione delle uova? Tante curiosità sulla festa più importante della primavera e sui riti che la accompagnano
Vai al viaggio completo!


10 spiagge per l´estate 2017

L’estate ormai è vicina. Chi si accinge a pianificare le vacanze all’insegna di mare, sole e relax, può ispirarsi a questa collezione di località lungo tutto lo Stivale, in cui il mare la fa da padrone.
Vai al viaggio completo!


Toscana in camper

Mare trasparente, sabbia dorata, bianca o nera, scogli o spiagge selvagge o attrezzate. Una vacanza sulla costa toscana riempie d´emozione ogni camperista.
Vai al viaggio completo!